SPEDIZIONE ITALIA € 4,90 - GRATUITA PER GLI ORDINI A PARTIRE DA € 80,00

SPEDIZIONE ITALIA € 4,90 - GRATUITA PER GLI ORDINI A PARTIRE DA € 80,00

Come la Frutta Secca fa Dimagrire

Secondo un nuovo studio la frutta secca non fa affatto ingrassare e apporta molti benefici all’organismo. Stando alle ultime evidenze scientifiche mandorle, noci, nocciole, pinoli e simili aiutano persino a dimagrire. Scopriamo cosa è vero e cosa no e perché dovremmo consumare abitualmente frutta secca.

 

In passato la frutta secca godeva di una cattiva reputazione, poiché ritenuta troppo grassa e calorica. La sua fama nel frattempo è cambiata. In questo articolo ti spieghiamo perché la frutta secca fa bene e per quale motivo, malgrado l’elevata percentuale di grassi, è un’alleata nella dieta.

 

Partiamo dalla domanda che tutti ci poniamo: la frutta secca fa dimagrire

 

Gli studi dimostrano una connessione tra frutta secca e dimagrire. Per capire se la frutta secca fa dimagrire dobbiamo analizzare uno  studio pubblicato dalla rivista scientifica Obesity Reviews secondo il quale noci, mandorle, pistacchi, anacardi, arachidi, nonostante contengano grassi (buoni), non fanno ingrassare. “La frutta secca è un alimento ricco di nutrienti, che fornisce una fonte di proteine vegetali, fibre, grassi monoinsaturi e polinsaturi, vitamine, minerali e fitonutrienti”, afferma Stephanie Nishi, PhD, dietista, ricercatrice e tra gli autori dello studio. 

 

Cosa hanno scoperto i ricercatori? 

 

I ricercatori hanno esaminato studi precedenti che includevano mandorle, noci del Brasile, anacardi, nocciole, noci di macadamia, noci pecan, pinoli, pistacchi, noci e arachidi e il loro rapporto con obesità, peso corporeo, indice di massa corporea (BMI) e circonferenza del punto vita. Un totale di 92 ricerche che nel tempo hanno coinvolto la bellezza di 700 mila partecipanti. 

 

Quindi possiamo dire che questo studio ha scoperto una connessione tra frutta secca e dimagrimento

 

Sì, così come spiega la dottoressa Nishi che ha condotto lo studio :”I risultati dimostrano che l’assunzione di noci, mandorle, ecc. non è associata all’aumento di peso ed è persino associata alla riduzione dell’adiposità” cioè al dimagrimento. I ricercatori quindi hanno scoperto che la frutta secca non fa aumentare gli altri indici di adiposità negli adulti (circonferenza della vita o BMI). 

 

Ma non si tratta dell’unico studio che afferma che la frutta secca fa bene, e che potrebbe essere un aiuto nel  dimagrire.

 

Un nuovo studio pubblicato su Journal of American Collage of Nutrition,  condotto su oltre 13.000 persone, ha messo in luce che coloro che consumano frutta in guscio di ogni tipo (noci, mandorle, pinoli, nocciole, noci del Brasile, noci pecan, noci macadamia, pistacchi e anacardi) non solo hanno minori probabilità di incorrere in malattie cardiache e diabete di tipo 2, ma sono più magri, presentano meno obesità addominale e hanno un più basso indice di massa corporea (con tutti i limiti che può avere il calcolo dell’IMC o BMI) rispetto a chi non ne mangia. 

Ma studi a parte, il punto è piuttosto che la frutta secca dovrebbe essere consumata non solo per dimagrire. Capita molto spesso che molti di noi finiscono per dimenticarsene, ignorandola oppure utilizzandola nel modo sbagliato. Oppure capita che si elimini del tutto la frutta secca quando si è a dieta perché si valuta solo la componente calorica senza tenere in considerazione il prezioso contributo in termini di fibre, oligoelementi come ferro, calcio, zinco e molte altre particelle da cui il corpo trae enormi benefici. Scopriamoli insieme.

 

I benefici della frutta secca

 

La frutta secca contiene tanti grassi buoni. In particolare la frutta secca a guscio comprende noci, nocciole, mandorle, pinoli, arachidi, pistacchi, castagne, noci di cocco. Essa viene definita “frutta oleosa” o “lipidica” per il suo elevato contenuto di grassi (90% circa) che, però, si trovano sotto forma di acidi grassi insaturi e polinsaturi (soprattutto della serie Omega-6 e Omega-3, quelli cosiddetti “buoni”). Essi contribuiscono ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e, quindi, a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Poiché i grassi vengono distrutti con il calore, è bene non mangiare la frutta secca oleosa tostata.

Questi frutti hanno poca acqua, pochi zuccheri e una buona quantità di proteine (circa il 12-13% per 100 g di alimento). La frutta secca a guscio è molto ricca di vitamina B ed E, di cui sono note le proprietà antiossidanti. Inoltre, è ricchissima di sali minerali come magnesio, potassio, ferro, rame, fosforo e calcio e di fibre. Nonostante l’apporto calorico sia molto alto (circa 600 kcal per 100 g), è stato dimostrato che il consumo di frutta secca a guscio rientra nel corretto e sano regime dietetico, soprattutto dei vegetariani, dei vegani e degli sportivi. L’assenza di glutine rende questi alimenti ottimi anche per i celiaci. 

 

Un consiglio pratico per aiutarti a dimagrire 

 

Se non sei ancora convinto dell’aiuto che la frutta secca può darti nel dimagrire, ricorda che la maggior parte dei grassi, delle proteine e delle fibre della frutta secca porta a saziare a lungo e a contrastare gli attacchi della fame. Questo evita che si ricada in snack poco sani!

Che aspetti? Corri a fare scorta di frutta secca.

 

 

https://www.gazzetta.it/alimentazione/per-lo-sport/14-10-2021/frutta-secca-quanta-mangiarne-quale-e-tutti-i-benefici-per-la-salute-55857.shtml

https://www.elle.com/it/salute/diete/news/a167347/frutta-secca-un-ottimo-alleato-per-dimagrire-in-modo-corretto/

https://www.alfemminile.com/salute-e-benessere/frutta-secca-fa-ingrassare/

https://www.humanitas-care.it/news/la-frutta-secca-importantissima-la-salute/

https://www.polispecialisticoleonardo.it/scienze-della-nutrizione-2/

Condividi su:

10%

DI SCONTO
SOLO PER TE

Iscriviti alla newsletter per ricevere lo sconto e tutte le offerte dedicate solo agli iscritti ↓

×